Home / Album / Imperivm
Rome Burns

Imperivm
Rome Burns

Gli italiani Imperivm, al secondo disco dopo l’esordio Died Fighting (nel 2013) sono in pista oramai da quasi otto anni. Il quartetto varesino ha una predilezione, dal punto di vista dei temi lirici trattati, per le storie dell’antica Roma – e il titolo di questo come-back richiama l’incendio dell’Urbe, narrato anche da Tacito – il tutto supportato da un power molto classico e tradizionale, con i piedi assai ben piantati nell’HM americano degli anni Ottanta ed un flavour epico, alquanto spiccato, in linea d’altra parte con le tematiche affrontate nei testi.

Gli undici brani di Rome Burns sono tesi e drammatici (la lunga e rocciosa The Final War), con una celebrazione in musica dell’eroismo che non tramonta mai (l’anthemica Spartacus Never Dies, la Manowar-oriented I Am the King) e della tradizione italica (si ascolti la bella Domus Aurea). Anche la title-track e Fire and Flames non deludono, vagamente alla Cirith Ungol.

Quello che forse manca è una certa originalità, ma non rientra in fondo nella storia del genere né deve essere cosa che al combo lombardo pare importare troppo. Suonano la musica che di più amano ed è certo questa la sola cosa davvero importante.

Davide Arecco

Anno di pubblicazione: 2017

Genere: Power Metal

Label: Virus

3.5 Stars (3,5 / 5)