Home / Album / Accuser
The Conviction / Experimental Errors / Repent / Double Talk

Accuser
The Conviction / Experimental Errors / Repent / Double Talk

Gli Accuser, un nome davvero storico del thrash teutonico, sono reduci da un ottimo ritorno con The Forlorn Divide, uscito su Metal Blade nel 2016. La greca No Remorse ristampa adesso quasi tutto il loro vecchio catalogo e l’operazione si rivela tanto succosa quanto interessante.

Il gruppo nacque sul finire del 1986, nel bacino della Ruhr, vera fucina di talenti musicali in Germania occidentale, nel momento in cui il cantante Eberhard Weyel ed il drummer Volker Borchert lasciarono i Breaker. A completare la formazione vennero chiamati il chitarrista Frank Thomas (ex Expect No Mercy) ed il bassista Thomas Kircher.

Nel marzo del 1987 gli Accuser incisero un demo tape, che li segnalò alla attenzione della piccola ma volitiva etichetta specializzata Atom H. I quattro brani del nastro, uniti a altri tre, andarono a completare il disco d’esordio The Conviction, pubblicato sul finire del 1987 con un approccio stilistico assai prossimo agli Slayer seppure con classici tocchi di speed germanico alla Accept-Brainfever. Nel frattempo Kircher lasciava la band. Sicuri di sé, gli Accuser proseguirono ad ogni modo per la loro strada, registrando a inizio estate 1988 il mini album Experimental Errors, più maturo ed ottimo sotto ogni aspetto, tutt’oggi forse una delle loro prove migliori.

Nel 1989, mentre lavoravano al terzo disco, gli Accuser suonarono anche di fuori dei patrii confini, in un tour europeo di spalla ai Mucky Pup, il divertente gruppo rap-core del New Jersey, che mescolava Beastie Boys, Anthrax e SOD. Incanto, il vocalist degli Accuser, Eberhard Weyel, si era accollato anche le parti di basso, senza particolari problemi, ed era entrato in formazione un nuovo chitarrista, René Schutz.

I successivi LP – Double Talk e Repent, anch’essi ristampati dalla No Remorse in questa quaterna di ottime riedizioni – mantennero le aspettative e confermarono il talento dei quattro, appena dietro la grande triade del thrash made in Germany costituita come noto da Kreator, Destruction e Sodom. In particolare Repent fece scuola (ha dato il nome all’omonimo gruppo tedesco) ed ha rappresentato un valido trait-d’union fra la scuola tedesca del thrash anni Ottanta e quella del decennio successivo.

A chi si rivolgono gli Accuser? A chi ama Slayer, Kreator, Sacred Reich, Realm e Morbid Saint, senza riserve e con piede anche nel territorio dell’heavy tedesco tradizionale, che unisce velocità e rabbia, potenza ed oscurità.

Davide Arecco

Anno di pubblicazione: 2016

Genere: Thrash Metal

Label: No Remorse

4.5 Stars (4,5 / 5)