Home / Album / Mercury Rain
St. Matthew

Mercury Rain
St. Matthew

A volte i tempi e i luoghi sono infausti. I Mercury Rain ebbero la triste sventura di nascere a Bristol nel 1994, in piena tempesta trip hop et similia (leggasi Massive Attack e epigoni). Guidati da Sonia Porzer, suonavano power metal con paesaggi sinfonici, persino in leggero anticipo sullo stile che i Nightwish avrebbero poi ripreso, codificato e reso celebre (nonché purtroppo commercializzato e, quasi, ridotto a trend). Un album, Where Angels Fear, venne ultimato nel novembre del 2000, ma non venne mai pubblicato.

Una complessa sorte toccò anche al successivo Dark Waters, previsto per il 2003, mentre il gruppo inglese continuava non senza successo a esibirsi sui palcoscenici dei vari festival europei. Oggi, finalmente, abbiamo la documentazione su CD della produzione a firma dei Mercury Rain, riordinata e rimasterizzata: un ottimo metal orchestrale, che può forse fare venire in mente una versione al femminile dei nostri Labyrinth, con progressioni sinfoniche e ritmi alquanto incalzanti, epici e goticheggianti.

Un genere che i Mercury Rain avevano di fatto già in mente nella prima metà degli anni Novanta, in tempi cioè non sospetti. Un destino avverso gli ha impedito, per dirla altrimenti, di essere ‘i primi’. Ora questa pubblicazione rimedia parzialmente.

Davide Arecco

Anno di pubblicazione: 2017

Genere: Gothic Power Metal

Label: Bristol Archive Records

3.5 Stars (3,5 / 5)