Home / Album / Arduini/Balich – Dawn of Ages
Arduini-Balich-Cover

Arduini/Balich – Dawn of Ages

Matrice classicamente doom, muri sonori, attitudine prog: tutto questo è Dawn of Ages, debutto del duo composto da Victor Arduini (chitarre, basso) e Brian Balich (voce), supportati da Chris Judge, dietro le pelli. Arduini fu come noto un membro fondatore dei Fates Warning, mentre Balich viene dagli Argus: i due non hanno insomma bisogno di presentazioni e sciorinano in questo disco un mix incandescente di potenza e creatività musicale.

Dawn of Ages è monumentale ed ambizioso, capace di rileggere in modo attuale il retaggio di Seventies ed Eighties. I pezzi sono un ipnotico e cangiante caleidoscopio di emozioni sonore, che vanno dai Black Sabbath al progressive, senza soluzione di continuità. Basti pensare che solo due composizioni – Forever Fade e The Gates of Acheron – sono sotto i dieci minuti e che l’apoteosi di Beyond the Barricade supera i diciassette.

La forma suite pare infatti la più consona al duo, che incanta pure in Into Exile e The Wraith, con aromi Uriah Heep era Byron. Disco splendido, e altro centro per la romana Cruz del Sur.

Davide Arecco

Anno di pubblicazione: 2017

Genere: Progressive Doom Metal

Label: Cruz del Sur

5 Stars (5 / 5)